Warning: Creating default object from empty value in /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/mkportal/include/SMF/smf_driverf.php on line 29

Warning: session_start(): Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/mkportal/include/SMF/smf_driverf.php:29) in /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/smf/Sources/Load.php on line 1957

Warning: session_start(): Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/mkportal/include/SMF/smf_driverf.php:29) in /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/smf/Sources/Load.php on line 1957

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/mkportal/include/SMF/smf_driverf.php:29) in /home/codatron/public_html/decima-mas/apps/smf/Sources/Load.php on line 1961
Decima Mas Network - il comandante Junio Valerio Borghese
Ultimo Urlo - Inviato da: Panzerfaust - Sabato, 02 Gennaio 2010 15:56
Vi interessano le novita editoriali su Decima e RSI? Visitate http://libridecimarsi.blogspot.com/
 
il comandante Junio Valerio Borghese
 
.:
il comandante Junio Valerio Borghese

Nato nel 1906 da nobile famiglia romana, il principe Junio Valerio Borghese seguì le orme dei suoi celebri avi diventando ufficiale di carriera nella Regia Marina.
Già comandante di sommergibili all'inizio del conflitto, posizione che gli valse una medaglia d'oro al Valor Militare, divenne il 1° maggio 1943 comandante della Decima Flottiglia M.A.S.. Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 prese la decisione di restare al fianco dell'alleato tedesco, così come più tardi scrisse:

"All'8 settembre, al comunicato di Badoglio, piansi. Piansi e non ho mai più pianto. E adesso, oggi, domani, potranno esserci i comunisti, potranno mandarmi in Siberia, potranno fucilare metà degli Italiani, non piangerò più.
Perché quello che c'era da soffrire per ciò che l'Italia avrebbe vissuto come suo avvenire, io l'ho sofferto allora.
Quel giorno io ho visto il dramma che cominciava per questa nostra disgraziata nazione che non aveva più amici, non aveva più alleati, non aveva più l'onore ed era additata al disprezzo di tutto il mondo per essere incapace di battersi anche nella situazione avversa."

E ancora :

" Anch'io, in quei giorni del settembre 1943, fui chiamato ad una scelta.
E decisi la mia scelta. Non me ne sono mai pentito. Anzi, quella scelta segna nella mia vita il punto culminante, del quale vado più fiero.
E nel momento della scelta, ho deciso di giocare la partita più difficile, la più dura, la più ingrata. La partita che non mi avrebbe aperto nessuna strada ai valori materiali, terreni, ma mi avrebbe dato un carattere di spiritualità e di pulizia morale al quale nessuna altra strada avrebbe potuto portarmi."

Al momento dell'armistizio Borghese stava preparando due importantissime operazioni, una delle due puntava addirittura al porto di New York, che per l'evolversi degli eventi non vennero mai realizzate. La sua abilità di comandante ed il suo indubbio carisma lo portarono ad essere il faro della Decima e dei suoi uomini, al punto tale di venire più volte in contrasto con i gerarchi della neonata R.S.I. gelosi del suo potere. Da parte sua Borghese poteva però contare sulla fiducia tedesca e sull'ammirazione e rispetto dell'ammiraglio Karl Doenitz, comandante in capo della marina del Reich.
Il 25 aprile 1945 Borghese si consegnò volontariamente al C.L.N. di Milano, ove fu tratto in salvo da un emissario americano (oramai tutti conoscono i crudi metodi utilizzati dai partigiani nei confronti degli avversari).
Nel dopoguerra, dopo essere stato degradato e imprigionato, si dedicò alla politica in seno al M.S.I. del quale divenne presidente onorario nel 1951.
Pare sia stato l'ideatore di un tentativo di colpo di stato nella notte tra il 7 e l'8 dicembre 1970 passato alla storia come "operazione Tora Tora", quando alla guida di un gruppo di fedeli, tra i quali vi erano anche degli ex-marò della Decima mentre altri erano pronti ad intervenire successivamente, si era oramai impadronito dell'armeria del Viminale ma misteriosamente si ritirò, probabilmente per l'intervento dell'onorevole Almirante, allora segretario del M.S.I..
A seguito dell'accusa per il fallito golpe si rifugiò in Spagna dove morì, a Cadice, nel 1974.

 

 

 

 

"In ogni guerra, la questione di fondo non è tanto di
vincere o di perdere, di vivere o di morire; ma di
come si vince, di come si perde, di come si vive,
di come si muore. Una guerra si può perdere, ma
con dignità e lealtà. La resa ed il tradimento
bollano per secoli un popolo davanti al mondo."

J.V. Borghese

La motivazione della Medaglia d'Oro al Valor Militare a Junio Valerio Borghese
Comandante di Sommergibile, aveva già dimostrato in precedenti circostanze di possedere delle doti di ardimento e di slancio.
Incaricato di riportare nelle immediate vicinanze di una munitissima base navale nemica alcuni volontari, destinati a tentare il forzamento con mezzi micidiali, incontrava nel corso dei reiterati tentativi di raggiungere lo scopo prefisso, le più aspre difficoltà create dalla violenta reazione nemica e dalle condizioni del mare e delle correnti. Dopo aver superato con il più assoluto sprezzo del pericolo e con vero sangue freddo gli ostacoli posti dall'uomo e dalla natura, riusciva ad assolvere in maniera completa il compito affidatogli, emergendo a brevissima distanza dall'ingresso della base nemica ed effettuando con calma e serenità le operazioni di fuoriuscita del personale. Durante la navigazione di ritorno, sventava la rinnovata caccia del nemico e, nonostante le difficilissime condizioni di assetto in cui si era venuto a trovare il sommergibile, padroneggiava la situazione per porre in salvo l'unità e il suo equipaggio.
Mirabile esempio di cosciente coraggio, spinto agli estremi limiti di perfetto dominio di ogni avverso evento.

Mediterraneo Occidentale, 21 ottobre - 3 novembre 1940
(Regio Decreto, 2 gennaio 1941)

 

 

indietro

Web site contents © Copyright Decima Mas Network 2006, All rights reserved.

   
 
 
 

MKPortal C1.2.1 ©2003-2008 mkportal.it
Pagina generata in 0.01541 secondi con 22 query